Oregon: prosegue la rivolta dei cowboys

0

Prosegue la rivolta dei cowboys in Oregon: un uomo disarmato sarebbe stato ucciso nel corso di una sparatoria. I rancher stanno protestando da settimane contro il governo per il diritto di pascolo sulle terre federali. Arrestato anche un leader del movimento

STATI UNITI-In Oregon non si ferma la protesta dei cowboys: un uomo disarmato è stato ucciso nel corso di una sparatoria, mentre uno dei leader del movimento è stato arrestato. Da settimane i rancher sono in rivolta contro il governo per il diritto di pascolo sulle terre federali.

Non è ancora chiara la dinamica dell’omicidio, ma secondo quanto riportato dalla Polizia, l’uomo sarebbe stato freddato ad un posto di blocco a causa di una sparatoria.

Oregon: la protesta sarebbe nata da un divieto

La protesta, che oltre all’Oregon ha investito anche il Nevada, è sfociata a seguito del divieto di Washington di pascolare il bestiame all’interno delle terre federali e di cacciare all’interno delle riserve naturali.

Un divieto che non è andato giù ai rancher, e che per questo motivo, hanno deciso di insorgere e di protestare in massa contro quella che ritengono un’ingiustizia. Il leader del movimento è Clive Bundy, un allevatore del Nevada. A guidare la protesta nell’Oregon ci sarebbero i suoi figli, tra i quali Ammon Bundy, l’uomo che è stato arrestato.