Parigi: trovata cintura esplosiva in una banlieue

0

È stata rinvenuta una cintura esplosiva in una banlieue situata a sud di Parigi, dove il terrorista in fuga sarebbe passato. In Belgio rimane l’allerta 4 per il terrorismo: da domani le metropolitane e le scuole riapriranno progressivamente, ma l’allarme rimarrà in vigore fino a lunedì

PARIGI-Non c’è ancora traccia di Salah Abdeslam, il ricercato numero uno per la strage di Parigi, ma ieri pomeriggio è stata rinvenuta una cintura esplosiva in un cestino della spazzatura a Montrogue, la banlieue situata a sud della capitale francese, dov’era stato localizzato il terrorista prima che i due complici arrivassero con la Golf per riportarlo in Belgio.

La cintura esplosiva sarebbe composta da bulloni e perossido di acetone, gli stessi componenti che si trovavano nelle cinture degli altri kamikaze che il 13 novembre 2015 si sono fatti esplodere al Bataclan.

Parigi: controlli massimi a Parigi, mentre gli Stati Uniti diramano un’allerta globale

Intanto, alcune fonte dell’inchiesta sulla strage di Parigi, riferiscono che stanno passando al setaccio l’elenco dei siriani che sono arrivati con un barcone il 3 ottobre 2015 nell’isola di Leros, in Grecia, e dove sono stati registrati come rifugiati.

Rimane l’allerta 4 in Belgio, dove sono state rafforzate anche le misure di sicurezza nelle istituzioni Ue. Da domani le scuole e le metropolitane riapriranno progressivamente, ma l’allarme rimarrà ancora fino a lunedì. Gli Stati Uniti, davanti al crescendo della minaccia terroristica dell’Isis, hanno deciso di diramare un allarme globale e hanno sconsigliato a tutti i cittadini americani di intraprendere viaggi all’estero.