Bosia Mirra: niente scuse né dimissioni

0
bosia mirra

Tensione nel Gran Consiglio del canton Ticino: Lisa Bosia Mirra, la granconsigliera del PS (Partito Socialista), dopo aver pubblicato le firme di due granconsiglieri su Facebook, fatto polemica sulla panettonata e aver augurato ai figli della granconsigliera Sabrina Aldi di morire, non si scusa né tanto meno dà le dimissioni “Perché dovrei?”

POLITICA-C’è aria di tensione nel Gran Consiglio del Canton Ticino (Svizzera): la granconsigliera Lisa Bosia Mirra, dopo aver pubblicato su Facebook le firme di due granconsiglieri che hanno appoggiato l’obbligo di corsi di civica per gli stranieri per ottenere la naturalizzazione, fatto polemica sulla panettonata e aver augurato ai figli della granconsigliera Sabrina Aldi di morire (questo solo perché la gran consigliera le aveva chiesto di firmare un’iniziativa per inasprire le pene contro chi sparge bocconcini avvelenati), non si scusa né tanto meno dà le dimissioni. “Non vedo perché dovrei.”

bosia mirraIl comportamento della granconsigliera aveva messo in imbarazzo anche la capogruppo del partito socialista, Pelin Kandemir Bordoli, che si era dovuta scusare con i parlamentari coinvolti. Alcuni però, come Lara Filippini dei democentristi, avevano palesato anche una denuncia nei confronti della Bosia Mirra.

Bufera in Gran Consiglio per Lisa Bosia Mirra: e ai ticinesi chi ci pensa?

Niente scuse quindi per i parlamentari coinvolti né tanto meno dimissioni, e questo nonostante la Bosia Mirra abbia commesso una grave infrazione della privacy pubblicando le loro firme sui social network e rendendole pubbliche.

bosia mirraTuttavia, in un canton Ticino con un mercato del lavoro sempre più allo sbaraglio, un tasso di disoccupazione più alto di quello presente in Lombardia, l’onnipresenza (nonostante i ticinesi abbiano accettato di fissare un minimo salariale il 14 giugno 2015, approvando un’iniziativa dei Verdi) del dumping salari e più di 30’000 senza lavoro su una popolazione attiva di 210’000, c’è da chiedersi se effettivamente la Svizzera Italiana ha bisogno di una granconsigliera di questo stampo e che sembra disinteressarsi completamente delle problematiche che ci sono appena fuori dal palazzo delle Orsoline.