Gigi d’Alessio: dopo Fedez, anche lui dà il due di picche alla Siae e si iscrive a Soundreef

0

Dopo Fedez, che aveva creato scalpore, anche Gigi d’Alessio decide di dare il due di picche e di affidarsi alla Soundreef per i diritti. L’accordo è stato siglato tra il cantante napoletano e l’amministratore delegato del gruppo, Davide d’Atri

MUSICA-Tempi sempre più duri per la Siae, che dopo Fedez, ha ricevuto anche il due di picche da Gigi d’Alessio. Il cantante napoletano, forte di più di 20 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e di più di 750 brani, ha deciso di affidarsi per la riscossione dei diritti a Soundreef.

L’accordo, che è stato firmato dall’artista e dall’amministratore delegato, Davide d’Atri, prevede che Soundreef inizi a riscuotere i proventi musicali di Gigi d’Alessio a partire dal 1 gennaio 2017.

Gigi d’Alessio: “Mi ha convinto la loro trasparenza”

Davide d’Atri, commentando l’arrivo di Gigi d’Alessio nella scuderia della Soundreef, ha dichiarato “Siamo felicissimi per l’arrivo di Gigi e questo ci testimonia che siamo sulla strada giusta dell’innovazione. Abbiamo tanti contatti in fase avanzata di artisti che hanno espresso la loro volontà di cambiare, esercitando la libertà che la Direttiva fornisce loro.”

Anche il cantante è parso molto felice per questa novità “Mi sono accostato con curiosità a Soundreef, perché mi piacciono le cose nuove. Mi ha convinto soprattutto la loro trasparenza nella rendicontazione, tutta il contrario di quella della Siae, che non chiarisce con esattezza da dove arrivano i proventi. Sono certo che altri colleghi ci seguiranno su questa strada.”