Letteratura: dopo 40 anni, nuova luce su Pasolini

0

Secondo la versione ufficiale, il poeta sarebbe stato assassinato 40 anni fa a seguito di un incontro omosessuale. Ora però, dopo quattro decenni di silenzio, un’inchiesta effettuata da Simona Zecchi lo riabilita

LETTERATURA-Il poeta e regista Pier Paolo Pasolini sarebbe stato assassinato ad Ostia (Roma) il 2 novembre 1975 nel corso di un incontro con un omosessuale. Così racconta la versione ufficiale che ha tenuto botta per quattro decenni. Ma una nuova inchiesta, fatta da Simona Zecchi, rivela che non è andata così.

La Zecchi avrebbe trovato dei nuovi documenti che racconterebbero un’altra versione sulla morte di Pier Paolo Pasolini. Nei fogli viene raccontata nei dettagli il modo in cui gli assassini prepararono la trappola e il successivo massacro del poeta e regista.

Letteratura: a 40 anni dalla morte, una nuova inchiesta fa luce sulla morte di Pier Paolo Pasolini. E il suo assassinio non avvenne nel corso di un incontro omosessuale

La nuova inchiesta, fatta dalla Zecchi, mostra non solo documenti, ma anche molte prove: fatti, riscontri, elementi a raffronto, testimonianze smarrite e foto inedite, che messe insieme ricostruiscono in modo inedito l’omicidio di uno dei più grandi poeti della letteratura italiana.

I risultati di questa nuova indagine sono stati pubblicati nel libro “Pasolini, massacro di un poeta”, uscito il 22 ottobre 2015 per l’editore Ponte delle Grazie e comparso ieri per la prima volta e in occasione dei 40 anni della morte del poeta nelle maggiori librerie.