Parma: pedofilia e prostituzione, un arresto

0

Nata dalla denuncia di una madre bresciana, l’inchiesta contro la pedofilia e contro la prostituzione minorile è arrivata fino a Parma, dove sono scattate le manette per un uomo di 60 anni. Undici finora le ordinanze di custodia cautelare emesse

PARMA-L’indagine, sfociata a seguito della denuncia di una mamma alla Procura di Brescia, è arrivata fino a Parma: undici finora le ordinanze di custodia cautelare emesse, tutte sfociate in arresti domiciliari, che hanno visto il coinvolgimento anche di un 60enne parmigiano.

La donna bresciana si era fatti avanti quando sul cellulare del figlio, che ha 16 anni, ha rinvenuto alcuni sms con racconti sui rapporti sessuali che il giovane consumava con alcuni maggiorenni, anche molto più grandi di lui. La conferma è arrivata anche dallo stesso sedicenne e da alcuni amici, che avevano conosciuti gli adulti su una chat e che avevano iniziato ad avere rapporti con loro.

Parma: 21 finora le persone indagate per i reati di pedofilia e di prostituzione minorile

Per il momento sono stati eseguiti undici arresti, ma la Procura di Brescia starebbe cercando altre dieci persone, che sono ancora a piede libero. Tra le persone finite ai domiciliari, risulta anche il 60enne di Tizzano, in provincia di Parma, attivo nel commercio dei prosciutti e che, in cambio di regali, ricariche telefoniche e soldi, consumava occasionalmente dei rapporti con i ragazzini.

I contatti avvenivano solitamente in chat oppure su siti di incontri, dove i ragazzi affermavano di essere maggiorenni, ma i rapporti si sono svolti anche quando l’uomo ha scoperto che avevano meno di 18 anni. Tutti gli episodi si sono verificati nel bergamasco e in aree come parchi pubblici, posteggi e centri commerciali.