Il ritorno del lupo nella Svizzera Italiana

0
Il ritorno del lupo nella Svizzera Italiana.

Avvistata una lupa con i suoi cuccioli in Val Morobbia (canton Ticino). In merito alla riapparsa spontanea del predatore, il WWF si rallegra, ma lancia un appello alle autorità cantonali: “è urgente sostenere gli allevatori.”

VAL MOROBBIA-Dopo anni di assenza dalla Svizzera Italiana, oggi è stata avvistata in Val Morobbia (canton Ticino) una lupa con i suoi cuccioli. Il video è stato trasmesso da Il Quotidiano, e non ha mancato di suscitare apprezzamenti e preoccupazioni.

Tra queste voci la più entusiasta è stata certamente quella del Wwf. Secondo l’associazione dedicata alla protezione degli animali e della natura, il ritorno dei grandi predatori sulle Alpi è un processo inevitabile, in atto da decenni. Questo processo rappresenta anche un contributo indispensabile per il riequilibrio della popolazione degli ungulati, il cui numero negli anni è aumentato in misura importante.

Il ritorno del lupo nella Svizzera Italiana

In merito al ritorno del lupo nella Svizzera Italiana, il Wwf ha già lanciato un appello rivolto alle autorità cantonali: è necessario attuare velocemente dei provvedimenti per promuovere la convivenza con il predatore, che nutrendosi principalmente di ungulati (soprattutto cervi), può essere un valido aiuto per gli agricoltori e i viticoltori.

Il Wwf è anche consapevole che la presenza del lupo può costituire un serio problema per gli allevatori che pascolano il bestiame nelle valli. Pertanto, nel suo appello alle autorità, ha spinto anche le stesse a cercare una soluzione in grado di bilanciare gli interessi naturalistici con quelli agricoli.