Statue coperte: Rohani, “Caso giornalistico”

0

Ironia anche sul Guardian per le statue coperte dei Musei Capitolini a Roma, dove è stato in visita il presidente iraniano Hassan Rohani. Che da parte sua commenta: “Caso giornalistico, l’Italia è un paese molto ospitale e che cerca di mettere a proprio agio i suoi visitatori.”

ROMA-Sta sollevando un polverone mediatico il caso delle statue coperte dei Musei Capitoli a Roma per non offendere il presidente iraniano Hassan Rohani, giunto in visita in Italia “Un caso giornalistico, l’Italia è un paese molto ospitale e che cerca di mettere a proprio agio i suoi visitatori” ha ribadito quest’ultimo in una conferenza stampa.

Malumori anche tra le file della FI, che attraverso Maurizio Gasparri, ha presentato un’interrogazione al presidente del Consiglio Matteo Renzi perché siano resi noti “I nomi degli idioti che hanno ordinato la copertura delle statue che potevano dare fastidio a Rohani, il leader iraniano in visita in Italia.”

Statue coperte e niente vino

Ma torniamo ai fatti: in occasione della visita del leader iraniano, alcune statue di nudi dei Musei Capitolini sono state coperte sui quattro lati con pannelli bianchi per mostrare rispetto e sensibilità nei confronti della cultura iraniana. Questo lo si è mostrato anche al momento del rinfresco, dove non è stato servito vino.

Da Meloni a Salvini, tutti sono concordi nell’affermare che il gesto è stato eccessivo e persino di sudditanza da parte di Renzi. Dalla Sel che lancia una petizione su change.org ai Radicali che ironizzano sul fatto che, solo l’anno scorso, per la visita del Papa erano stati coperti i manifesti che pubblicizzavano una mostra di Tamara de Lempicka, il Guardian dedica alla vicenda la prima pagina e ironizza “Roma copre le statue di nudi per evitare al presidente iraniano di arrossire.”