Svizzera: il viaggio per il pieno non conviene

0

Prezzi uguali oppure con pochissimi centesimi di differenza: a causa del franco diventato più forte, fare benzina in Svizzera non conviene. E l’Italia, per quanto riguarda il pieno, la batte appieno, soprattutto per quanto riguarda i comuni di confine

SVIZZERA-Prezzi uguali oppure con pochissimi centesimi di differenza: a causa del franco diventato più forte dall’anno scorso, fare il pieno di benzina in Svizzera non conviene più. Oltre al prezzo dell’andata, spesso e volentieri giunti sul posto si hanno sorprese decisamente più amare a causa del cambio e prezzi molto elevati.

Nei comuni di confine, soprattutto nella Val Chiavenna e nella Bassa Valtellina, è stato riscontrato che fare un pieno di benzina costa uguale, o addirittura di meno, che farlo sul suolo elvetico. L’Italia quindi batte la Svizzera, anche per pochi centesimi, e in più non si deve passare il confine per riempire il serbatoio.

Non ci si dovrà recare più in Svizzera per il pieno: fumata bianca dal Consiglio Regionale Lombardia per la carta sconto carburanti

È arrivata inoltre un’altra buona notizia: il Consiglio Regionale Lombardia ha dato il suo nullaosta alla realizzazione di una carta sconto carburanti, valida ogni anno e per tutto il triennio 2016-2018, che permetterà di avere la benzina a prezzi ancora più scontati.

Senza la carta sconto, un litro di piombo nei comuni della fascia di confine, ha lo stesso costo di un litro di piombo nei Grigioni. Dal 2016 però le cose cambieranno per gli automobilisti e per i conducenti di ciclomotori: con la nuova carta, si potrà scendere sotto anche di parecchio (fino ad 1,27 euro) per un pieno, rendendo più conveniente fare il pieno in Italia che in Svizzera.