Canton Ticino: tutti contro il divieto del burqa

0

Un avvocato ticinese e uno studente di legge vogliono portare il divieto del burqa, approvato nel Canton Ticino nel 2013, davanti alla Corte Federale. Per entrambi: “La legge va contro la libertà di espressione politica.”

CANTON TICINO-Un avvocato ticinese e uno studente di legge vogliono portare il divieto del burqa, approvato nel Canton Ticino nel 2013, davanti alla Corte Federale. Secondo quanto scrive il Tages Anzeiger, il nuovo divieto, accettato in maggioranza dai ticinesi, andrebbe contro la libertà di espressione politica.

Per i due, il burqa e il niqab non potranno essere portati nei luoghi pubblici, ma la legge appena approvata dev’essere sottoposta all’attenzione della corte. I ticinesi avevano accettato il divieto del burqa con una maggioranza del 65,4%.

Canton Ticino: un anno dopo l’iniziativa, il Parlamento aveva approvato il nuovo disegno di legge

Circa un anno dopo l’accettazione dell’iniziativa, il Parlamento aveva approvato il nuovo disegno di legge e quanto espresso dalla maggioranza della popolazione, ma ora l’avvocato Filippo Contarini e lo studente di legge Martino Colombo hanno rivelato di aver sottoposto questa “legge totalitaria” alla Corte Federale.

Prima ancora dell’iniziativa nel Canton Ticino, in Francia era stato accettato all’unanimità il divieto del burqa e della dissimulazione del viso per motivi di sicurezza. E mentre i media della Svizzera Italiana tacciono, a quanto pare c’è chi, ancora una volta, decide di andare contro una decisione del popolo per un’ideologia.