Cinema: nuovi guai per Polansky

0

Nuovi guai per il regista Roman Polansky: dopo la vittoria del partito di destra Diritto e Giustizia (Pis), il nuovo governo polacco è pronto ad estradare il personaggio più controverso del mondo del cinema e che negli Usa è accusato di stupro

CINEMA-Per il regista Roman Polansky sono in arrivo nuovi guai con la giustizia, ma stavolta da parte della nazione che l’ha ospitato fino a qualche giorno fa: la Polonia. Secondo alcune indiscrezioni che stanno girando nel mondo del cinema, il nuovo governo polacco sarebbe pronto ad estradare Polansky.

Il regista, la cui presenza ha sollevato un polverone anche sul Festival del Film di Locarno (Svizzera) nel 2014, tanto da indurlo a rinunciare a presentare il suo nuovo film “Venere in pelliccia”, è accusato negli Stati Uniti di aver stuprato una minorenne.

Cinema: nuove ombre incombono su Roman Polansky, il regista franco-polacco di 82 anni accusato di stupro

Il regista, nonché volto più controverso del mondo del cinema, non ha ancora fatto avere dichiarazioni in merito alla decisione di estradarlo da parte del nuovo governo di Varsavia. Quello che è certo è che con il centro-destra al potere, dopo Roman Polansky è possibile che lo stesso pugno di ferro sia applicato nei confronti di altri presunti “criminali”.

Durante la campagna elettorale Jaroslaw Kaczynski, il leader del Pis, aveva fatto del caso Polansky uno dei punti forti della sua campagna. Tuttavia bisognerà aspettare fino a domani per il giudizio definitivo, che verrà pronunciato da giudici di Cracovia (Polonia).