Fiumicino: auto cade nel Tevere

0

È accaduto nella notte tra mercoledì e giovedì: a Fiumicino, un’auto è volata giù dal ponte 2 giugno. Il conducente del veicolo è stato tratto in salvo dagli operai, ma esplode la rabbia dei pescatori, che a causa delle operazioni di recupero, non hanno potuto raggiungere il mare aperto

ROMA-Singolare incidente nella notte tra mercoledì e giovedì: a Fiumicino, per motivi ancora da chiarire, un’auto è volata giù dal ponte 2 giugno ed è finita nel Tevere. Il conducente del veicolo, un uomo di 70 anni, è stato tirato fuori dal veicolo da alcuni operai che in quel momento stavano lavorando sul ponte, riuscendo a salvarsi.

Secondo una prima ricostruzione, intorno alla mezzanotte e mezza la Clio Nera, dopo aver forzato la sbarra che chiudeva il ponte, che in quel momento era oggetto di un intervento da parte degli operai ed era chiuso al traffico, è precipitata nel canale. In quel punto l’acqua è profonda 4 metri, quindi se non fosse stato per l’intervento tempestivo degli operai, per il settantenne ci sarebbe stato poco da fare. L’uomo, in forte stato di shock, è stato trasportato immediatamente all’ospedale Grassi di Ostia.

Fiumicino: la rabbia dei pescatori

Sul posto del sinistro sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Fiumicino, i vigili del fuoco e i militari della Capitaneri del porto di Roma. Giovedì mattina i pompieri erano ancora al lavoro per recuperare il veicolo, con gru e squadre speciali, ma si trovati a lavorare in una situazione estrema a causa delle proteste dei pescatori.

Le autorità infatti, per effettuare tutti i rilievi del caso, hanno chiuso il traffico nel canale navigabile, bloccando all’esterno i pescatori che sono usciti durante la notte e impossibilitandoli a rientrare con il loro carico di pesce e a continuare il lavoro, e impedendo a quelli che dovevano uscire all’alba di andare al lavoro. Facendo perdere loro un’intera giornata.