Friborgo: abusi sessuali su minori al Montet

0

Tra il 1929 e il 1955 ci sono stati 21 casi di abusi sessuali e di molestie sui minori nell’Istituto Cattolico Marini di Montet, nel canton Friborgo. È quanto risulta da uno studio condotto in Svizzera, che è stato pubblicato oggi

SVIZZERA-Sono risultati fondati in 21 casi, ma potrebbero emergerne altri, i sospetti di maltrattamenti e di abusi sessuali avvenuti nel canton Friborgo presso l’Istituto Cattolico Marini di Montet. L’indagine, chiesta a gran voce dal vescovo di Friborgo, Ginevra e Losanna, ha portato alla luce maltrattamenti gravi e abusi sessuali, anche ripetuti sull’arco di più tempo.

Nel periodo in questione l’istituto, che era sotto la responsabilità diretta del vescovo, offriva posto a centinaia di bambini. La maggior parte dei minori veniva da famiglie con gravi difficoltà economiche e sociali. Come riferisce lo studio, la maggior parte erano ragazzi fragili a livello psicologico e sociale.

Friborgo: abusi sessuali e molestie sui minori, un “cold case” chiuso dopo più di mezzo secolo

Una situazione che sembra aver favorito non solo l’impunità dei colpevoli, ma anche gli stessi abusi. Malgrado un’ondata di denunce che c’è stata tra il 1932 e il 1955, solo due casi, riguardanti un religioso e il direttore della struttura, sono finiti in tribunale, rispettivamente nel 1954 e nel 1956.

Riguardo la vita all’interno dell’Istituto, le testimonianze dei pochi sopravvissuti sono a dir poco sconcertanti: ragazzi, anche minori di 16 anni, che non frequentavano la scuola ma svolgevano duri lavori agricoli, severità nella disciplina, punizioni prossime al maltrattamento e alimentazione scarsa. Una scandalo che è rimasto nascosto grazie agli sforzi della gerarchia religiosa e del comitato dell’Istituto degli Orrori.