Middlesbrough: porte rosse per immigrati

0

155 porte sono state dipinte di rosso a Middlesbrough, in Inghilterra, per segnalare che gli occupanti sono immigrati e richiedenti d’asilo. Per i media britannici il caso delle porte rosse può essere paragonato all’Apartheid in Sudafrica o alle stelle gialle che gli ebrei erano costretti a portare sotto i nazisti

INGHILTERRA-Il Times, uno dei principali giornali inglesi, ha scoperto 155 porte di colore rosso a Middlesbrough, una città di 130’000 abitanti situata nel nord dello Yorkshire, a tre ore da Londra. All’interno di queste case vivono immigrati e richiedenti d’asilo, molti dei quali provenienti dalla Siria, che da mesi aspettano una decisione in merito alla loro domanda di asilo.

Le porte colorate di rosso, benché in apparenza siano innocue, in realtà servono ad attirare attacchi razzisti, lanci di uova, escrementi di cane e scritte in stile nazista. Il Ministero degli Interni ha aperto un’inchiesta, che è risalita ad una società, la Jomast, che a sua volta lavora per il gruppo G4S, che a quanto pare è stata incaricata di trovare delle case provvisorio per i rifugiati.

Middlesbrough: colore casuale e non voluto in modo deliberato

La compagnia però si difende dalle accuse, affermando che il colore delle porte è stato puramente casuale e non voluto in modo deliberato per indicare che gli occupanti delle case sono immigrati o richiedenti d’asilo. Tuttavia, la G4S, ha già comunicato che le porte verranno ridipinte con altri colori, questo per evitare che gli immigrati diventino il bersaglio dell’ira degli abitanti di Middlesbrough, nota per essere una città industriale con un forte odio verso i rifugiati.

Il caso delle porte rosse è stato paragonato dai media britannici all’Apartheid del Sudafrica e alle stelle gialle che gli ebrei erano costretti a portare cucite sul braccio durante il regime nazista.