Roma: Rudi Garcia e la panchina rovente

0
Rudi Garcia

Roma, il filo è sempre più sottile e si è quasi spezzato: Rudi Garcia è a rischio esonero dopo l’ultimo fallimento della Roma. Se restasse incollato sulla panchina dei giallorossi, la squadra sarebbe condannata giocare la metà del campionato con l’obiettivo di finirlo al più presto

SERIE A-La panchina di Rudi Garcia sta diventando sempre più rovente: dopo l’ultimo fallimento della Roma, il dg Baldissoni è volato a Miami per incontrare Pallotta, mentre la Capitale, presidiata da Sabatini, sta decidendo per l’esonero dell’allenatore francese.

Troppo evidente la tempesta del secondo tempo con il Milan, l’ultimo di una lunga serie di sbagli, per sperare in una riscossa con un tecnico simile in panchina. Pallotta intende risolvere la questione al più presto, dopo che si è dichiarato disgustato per l’eliminazione dalla Coppa Italia contro lo Spezia e dall’ultima partita.

Roma: quale destino attende i giallorossi?

Mentre Baldissoni si trovava ancora sull’aereo, Sabatini si è collegato in videoconferenza con il presidente insieme al vice Massara, al Ceo Zanzi e al traduttore Bisceglia. Oltre due ore di confronto, in cui sono stati messi sul piatto i pro e i contro dell’esonero di Garcia, che sembra ormai inevitabile.

I dirigenti della Roma avrebbero voluto rimandare la scelta a giugno, perché nessuno dei tecnici a disposizione convince fino in fondo, ma ora stanno pensando seriamente di intervenire subito, prima che sia troppo tardi anche per agganciare il terzo posto valido per la Champions. Se la notte avrà portato i giusti consigli, già oggi si saprà qualcosa di più sul destino della Roma.