Siria: arrivo cibo per Madaya e altri centri

0

Siria, cibo e medicine hanno iniziato ad arrivare oggi a Madaya e in altri centri assediati. Due convogli umanitari, organizzati dalla Mezzaluna Rossa, hanno raggiunto le tre località all’imbrunire

SIRIA-Cibo e medicine hanno iniziato ad arrivare oggi in tre città siriane sotto assedio, tra le quali c’è anche Madaya, la cittadina a 24 chilometri da Damasco dove nei giorni scorsi sono state trasmesse le fotografie di persone ridotte alla fame che hanno scioccato il mondo.

Due convogli umanitari, organizzati dalla Mezzaluna Rossa, hanno potuto raggiungere all’imbrunire Madaya, ma gli aiuti, che dovranno bastare per circa un mese, raggiungeranno appena 60’000 persone, solo un quarto dei 400’000 civili segnalati dall’Onu e che sono ridotti alla fame in varie aree del Paese a causa degli assedi posti dall’una e dall’altra parte.

Siria: segnalate nuove stragi di bambini ad Aleppo

Intanto sono state segnalate nuove stragi di bambini, avvenute ad Aleppo, nel nord della Siria. Secondo l’osservatorio per i diritti umani, 9 sono morti in un raid aereo russo che ha travolto una scuola e ucciso anche diversi insegnanti, mentre 3 sono stati uccisi da un colpo di mortaio sparato dagli insorti.

I primi camion che trasportavano gli aiuti sono entrati a Madaya con il calare della notte, come anche nelle altre due località sciite, ma altre decine sono arrivati e sono stati scaricati nel corso di operazioni che sono durate tutta la notte. Nel frattempo si avvicina sempre di più la data del 25 gennaio 2016, data in cui si dovrebbe trovare a Ginevra una soluzione politica tesa a porre fine al conflitto.